Riviera Ligure di Ponente

La zona di produzione delle uve atte alla produzione della Doc Riviera Ligure di Ponente ricade nelle province di Imperia, Savona e Genova e comprende i terreni vocati alla qualità di numerosi Comuni.

L’introduzione e la diffusione della vite è storicamente attribuita ai marinai e ai commercianti che dall’alto Medioevo hanno introdotto le cultivar da altri territori, che si sono poi localmente selezionate ed adattate, e migliorarono le tecniche di coltivazione insegnando l’utilizzo dei terrazzamenti con la costruzione dei muretti a secco. Il commercio del vino della Riviera Ligure è certificato dai documenti relativi alla Repubblica di Genova al commercio via mare con Nizza e Roma in merito all’amministrazione ed al vettovagliamento delle città. Documenti del XVII secolo confermano forniture di vino della Riviera ligure per esempio al Ducato di Milano, al Principe di Savoia. La vocazione viticola ligure si consolida poi nel XVIII secolo e prosegue con un fiorente commercio locale soprattutto verso le città in rapido sviluppo. Alla fine dell’Ottocento risale la denominazione “Riviera”, epoca in cui la Liguria è passata sotto la dominazione della casa Savoia ed in cui la riviera di Genova è divenuta Riviera Ligure, acquisendo le menzioni “ponente” e “levante” che ricordano la posizione centrale occupata da Genova. È subito dopo l’unificazione d’Italia, quando la Liguria ha acquisito l’estensione geografica che ha attualmente, senza la zona di Nizza, che il termine “Riviera” si è imposto quale denominazione corrente della produzione agricola della regione.

La base ampelografica dei vigneti è caratteristica e riguarda vitigni presenti solo nel territorio delimitato come Rossese e Granaccia (rossi) e Pigato (bianco) che ne evidenziano originalità e legame con la tradizione. Le forme di allevamento sono tradizionali e nel tempo non si sono mai discostate da quelle tradizionalmente utilizzate in passato.

La DOC Riviera Ligure di Ponente è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel relativo disciplinare di produzione per le seguenti tipologie: Granaccia (Alicante), anche nelle tipologie Superiore e Passito; Moscato, anche nelle tipologie Frizzante, Vendemmia tardiva e Passito; Pigato, anche nelle tipologie Superiore e Passito; Rossese, anche nella tipologia Passito; Vermentino, anche nelle tipologie Superiore e Passito.

La Doc Riviera Ligure di Ponente comprende le sottozone “Riviera dei Fiori”, “Albenganese”, “Finalese”, “Quiliano” e “Taggia”, la cui produzione è disciplinata dagli allegati in calce al suddetto disciplinare.

 Vitigno

Granaccia (Alicante), anche nelle tipologie Superiore e Passito: Granaccia (Alicante) minimo 90%,  possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni, non aromatici, a bacca rossa, idonei alla coltivazione per la Regione Liguria, fino ad un massimo del 10%. Moscato, anche nelle tipologie Frizzante, Vendemmia tardiva e Passito: Moscato bianco per il 100%. Pigato, anche nelle tipologie Superiore e Passito: Pigato minimo 95%; possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni, non aromatici, a bacca bianca, idonei alla coltivazione per la Regione Liguria, fino ad un massimo del 5%. Rossese, anche nella tipologia Passito: Rossese minimo 90%; possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni, non aromatici, a bacca rossa, idonei alla coltivazione per la Regione Liguria, fino ad un massimo del 10%. Vermentino, anche nelle tipologie Superiore e Passito: Vermentino minimo 95%; possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni, non aromatici, a bacca bianca, idonei alla coltivazione per la Regione Liguria, fino ad un massimo del 5%.

 Caratteristiche

Aspetto

All’esame visivo i vini della Riviera Ligure di Ponente Doc, presentano rispettivamente: Granaccia (Alicante): colore rosso rubino più o meno intenso; Granaccia Superiore: colore rosso rubino talvolta aranciato; Granaccia Passito: colore rosso rubino più o meno intenso tendente al granato; Moscato: colore giallo paglierino più o meno intenso; Moscato Frizzante: colore giallo paglierino più o meno intenso; Moscato Vendemmia Tardiva: colore giallo dorato più o meno intenso; Moscato passito: colore giallo oro tendente all’ambrato, più o meno intenso; Pigato, Pigato Superiore: colore giallo paglierino più o meno intenso; Pigato Passito: colore da giallo paglierino fino a giallo intenso; Rossese: colore rosso più o meno intenso con eventuali riflessi aranciati; Rossese Passito: rosso rubino più o meno intenso tendente all’aranciato con l’invecchiamento; Vermentino: colore paglierino o paglierino con riflessi verdognoli; Vermentino Superiore: colore giallo paglierino più o meno intenso; Vermentino Passito: da giallo paglierino fino a giallo intenso.

Profumo

All’olfatto i vini della Riviera Ligure di Ponente Doc, hanno rispettivamente: Granaccia (Alicante): odore mediamente persistente, vinoso, caratteristico; Granaccia Superiore: odore delicato, persistente, caratteristico di corpo; Granaccia Passito: odore ampio, intenso, persistente; Moscato e Moscato Frizzante: odore caratteristico; Moscato Vendemmia Tardiva: odore aromatico, fresco, persistente; Moscato Passito: odore aromatico, intenso, complesso; Pigato e Pigato Superiore: odore intenso, caratteristico, leggermente aromatico; Pigato Passito: odore ampio, intenso, persistente; Rossese: odore delicato, caratteristico, vinoso; Rossese Passito: odore ampio, intenso, persistente; Vermentino: odore delicato, caratteristico, fruttato; Vermentino Superiore: odore intenso, caratteristico, fruttato; Vermentino Passito: odore ampio, intenso, persistente..

Gusto

In bocca i vini della Riviera Ligure di Ponente Doc, presentano rispettivamente: Granaccia (Alicante) sapore asciutto gradevole, di medio corpo; Granaccia superiore: sapore secco, persistente; Granaccia passito: sapore dolce, caldo, pieno, con molta persistenza e con eventuale sentore di legno; Moscato: sapore secco, aromatico, armonico. Moscato Frizzante: sapore aromatico, dolce, armonico; Moscato Vendemmia Tardiva: sapore aromatico, dolce, armonico; Moscato passito: sapore dolce, armonico, vellutato, aromatico; Pigato: sapore asciutto, pieno, lievemente amarognolo, mandorlato; Pigato Superiore: sapore asciutto, pieno, mandorlato, persistente; Pigato Passito: sapore dolce, caldo, pieno, persistente con eventuali sentori mandorlati; Rossese: sapore asciutto, delicato, morbido, amarognolo; Rossese Passito: sapore dolce, caldo, pieno, persistente; Vermentino: sapore secco, fresco, armonico; Vermentino Superiore: sapore secco, fresco, pieno, armonico, persistente; Vermentino Passito: sapore dolce, caldo, pieno, persistente con eventuali sentori mandorlati.

 
 Gradazione

Il titolo alcolometrico minimo dei vini della Doc Riviera Ligure di Ponente è rispettivamente: Granaccia (Alicante): 11,00% vol; Granaccia superiore: 13,00% vol; Granaccia Passito: 16,50% vol, 12,50% vol effettivi; Moscato: 10,50% vol; Moscato Frizzante: 10,50% vol di cui almeno il 5,00% vol svolti; Moscato vendemmia tardiva: 14,50% vol di cui almeno l’11,50% vol svolti; Moscato Passito: 16,50% vol di cui almeno il 12,50% vol svolti; Pigato: 11,00% vol; Pigato Superiore: 13,00% vol; Pigato Passito: 16,50% vol, di cui 12,50% vol effettivi; Rossese: 11,00% vol; Rossese passito: 16,50% vol, di cui 12,50% vol effettivi; Vermentino: 11,00% vol; Vermentino Superiore: 13,00% vol; Vermentino Passito: 16,50% vol, di cui 12,50% vol effettivi.

Età ottimale

La tipologia Passito può essere immessa al consumo, dopo un periodo di invecchiamento di almeno 12 mesi, a partire dal 1° novembre dell'anno successivo alla vendemmia; per le tipologie Superiore e Moscato Vendemmia Tardiva l'immissione al consumo non può essere effettuata prima del 1° novembre dell'anno successivo a quello della vendemmia.

 Zona di produzione

 

 Tipologie

  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia (Alicante)
  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia Superiore
  • Riviera Ligure di Ponente Granaccia Passito
  • Riviera Ligure di Ponente Moscato
  • Riviera Ligure di Ponente Moscato Frizzante
  • Riviera Ligure di Ponente Moscato Vendemmia Tardiva
  • Riviera Ligure di Ponente Moscato Passito
  • Riviera Ligure di Ponente Pigato
  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Superiore
  • Riviera Ligure di Ponente Pigato Passito
  • Riviera Ligure di Ponente Rossese
  • Riviera Ligure di Ponente Rossese Passito
  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino
  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Superiore
  • Riviera Ligure di Ponente Vermentino Passito

 Calice e servizio

Il Riviera Ligure di Ponente Pigato va servito a 8-10 °C e il calice consigliato è quello a tulipano svasato. Il Vermentino invece si serve in calici flute a 6-8°C. Vanno consumati entro l'anno successivo alla vendemmia. Il Riviera Ligure di Ponente Doc Rossese va servito in calici bordolesi, a una temperatura di 16-18°C. Il Moscato va servito ad una temperatura di 16°-17° C, in bicchieri a flut o a coppa.

 

 Abbinamento con i cibi

Il Riviera Ligure di Pponente Pigato va abbinato a minestre, creme e vellutate, triglie alla genovese, stoccafisso al verde (con patate, gherigli di noce, prezzemolo, aglio, olio d'oliva e sale). Il Vermentino è adatto ad accompagnare una vasta gamma di portate come antipasti di mare, verdure ripiene (cipolle, zucchine, melanzane, peperoni), pansotti con salsa di noci, lasagne al pesto, risotto al nero di seppie, ravioli di pesce in brodo, branzino lesso o al forno. Il Riviera Ligure di Ponente Doc Rossese va degustato con coniglio, agnello e carciofi e verdure ripiene. Il Moscato è adatto ad occasioni e cerimonie nonché a fine pasto e con tutti i dolci della cucina regionale.