Pornassio o Ormeasco di Pornassio

La Doc Pornassio o Ormeasco di Pornassio viene prodotta nella Riviera Ligure di Ponente, e precisamente, in provincia di Imperia, nei terreni dell'intero territorio dei comuni di Aquila d'Arroscia, Armo, Borghetto d'Arroscia, Montegrosso Pian Latte, Ranzo, Rezzo, Pieve di Teco, Vessalico e, per il solo versante tirrenico, nel territorio dei comuni di Mendatica, Cosio d'Arroscia e Pornassio in Valle Arroscia; nonché nell'intero territorio del comune di Molini di Triora in Valle Argentina ed il versante orograficamente ricadente in Valle Arroscia del comune di Cesio.

Le uve con cui viene prodotta questa Doc sono dell'Ormeasco, vitigno importato dal Piemonte, la cui coltivazione in territorio ligure è documentata a partire dal 1300. Le prime testimonianze sono infatti legate al casato dei Clavesana, signori di Pornassio, che con un editto del 1303 imposero di impiantare questo vitigno, a quel tempo chiamato Dolcetto, pena la decapitazione. Rispetto al Dolcetto piemontese manifesta un profumo più intenso, una colorazione molto viva e sentori più corposi, pur conservando la gradevole vena amarognola. Prima del riconoscimento di questa Doc, avvenuta nel settembre 2003, l'Ormeasco appariva come specificazione della Doc Riviera Ligure di Ponente. Il Pornassio o Ormeasco di Pornassio Doc è presente nelle tipologie Rosso, Sciac-trà, Rosso superiore, Passito e Passito liquoroso.

 Vitigno

Ormeasco o Dolcetto min. 95%, per il complessivo rimanente possono concorrere le uve di vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, da soli o congiuntamente, comunque inseriti nella classificazione dei raccomandati ed autorizzati della provincia di Imperia, max. 5%.

 Caratteristiche

Aspetto

All'esame visivo il Pornassio Doc Rosso si presenta di colore rosso rubino vivo, così come il Pornassio Rosso Superiore; la tipologia Sciac-trà si presenta di colore rosato corallo; il Passito presenta un colore rosso rubino più o meno carico tendente al granato; il Passito liquoroso si presenta con colore rosso granato più o meno intenso.

Profumo

Il Pornassio Doc Rosso (anche Superiore) ha odore persistente, vinoso, e caratteristico. La tipologia Sciac-trà ha odore vinoso, delicato, gradevole, caratteristico; il Passito ha odore intenso e persistente; infine il Passito liquoroso ha odore intenso, molto persistente.

Gusto

Il Pornassio Doc Rosso presenta sapore asciutto, gradevole, di medio corpo con vena amarognola. Il Pornassio Doc Superiore al palato risulta secco, persistente con eventuale sentore di legno. La tipologia Sciac-trà ha sapore secco, fresco, armonico. Il Passito ha sapore dolce, pieno, persistente. Il Passito liquoroso ha sapore dolce sapido, persistente.

Gradazione

Il titolo alcolometrico minino del Pornassio Doc Rosso è di 11,00% vol, quello del Pornassio Doc Superiore di 12,50% vol, quello della tipologia Sciac-trà di 10,50% vol. Il Passito ha un titolo alcolometrico minimo di 16,50% vol, mentre il Passito liquoroso di 18,00% vol.

Età ottimale

Per le tipologie Pornassio Passito e Passito Liquoroso è previsto un periodo di invecchiamento di 12 mesi a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello della vendemmia; per le tipologie Pornassio con la menzione Superiore e Passito è previsto, in questo periodo, un affinamento in botti di rovere o castagno per almeno 4 mesi.
 

 Zona di produzione

 

 Tipologie

  • Pornassio o Ormeasco di Pornassio Rosso
  • Pornassio o Ormeasco di Pornassio Sciac-trà
  • Pornassio o Ormeasco di Pornassio Rosso superiore
  • Pornassio o Ormeasco di Pornassio Passito
  • Pornassio o Ormeasco di Pornassio Passito liquoroso

 Calice e servizio

Il Pornassio Rosso va servito ad una temperatura di 16-18°C in calici di media capacità di taglio bordolese.

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Pornassio Rosso si accosta bene alla cucina ligure di terra così come a quella di mare. Se giovane, è adatto ad accompagnare agnolotti al sugo di carne, polenta con salsiccia e spezzatino di maiale, se Superiore ed affinato si abbina al piccione ripieno, al coniglio in umido, al coniglio in porchetta, agli spiedini di carne, ai colombacci alla pancetta e ai formaggi teneri. La tipologia Passito si sposa con i dolci tradizionali della zona come ad esempio i panserotti ripieni di marmellata, i biscotti di Pontedassio e la "stroscia" di Pietrabruna, un dolce di pasta frolla tipico dell'entroterra imperiese.